Lucio Salvini

Lucio Salvini è nato a Milano. Dopo studi ed esperienze a Londra, Parigi e Francoforte è stato giornalista e autore televisivo. Entrato alla Ricordi come responsabile dell’ufficio stampa, ne è stato direttore generale per diciassette anni, per poi passare un decennio come amministratore delegato alla Fonit Cetra. Con Franco Franchi e Tinin Mantegazza ha pubblicato Filibusta (Milano 1974) e nel 2015 Non erano solo canzonette (ed. Skira),

C’è tanto pop e tanto Sanremo lungo la strada percorsa dal discografico, ma non vanno sottovalutati i rapporti con Franco Battiato nel periodo della musica colta di Genesi o del primo album omonimo del Banco Del Mutuo Soccorso con la caratteristica copertina a forma di salvadanaio. Rapporti di lavoro sì, ma divenuti spesso e in maniera naturale amicizie sia “per volere” di Salvini, sia “su iniziativa” degli stessi artisti. Come quella volta in cui Fabrizio De André decise di riunire amici/addetti ai lavori a cena nella sua casa di Milano per far gustare loro un’orata al sale da lui stesso cucinata. Era il periodo di Anime Salve, album pubblicato nel 1996 con Ivano Fossati.

E poi Gino Paoli, Enzo Jannacci, Edoardo Bennato, Sergio Endrigo, Renzo Arbore e la sua trasmissione cult DOC (e non solo) o la figura di Andrea Lo Vecchio, spesso trascurata, perché come cantante non ebbe particolare successo, ma come autore scrisse brani importanti (come ad esempio Luci a San Siro di Roberto Vecchioni).