Mario Martucci

Mario Martucci, Bormio (So)
Laurea in Filosofia Università Statale
Professore,giornalista,scrittore, analista finanziario c/o Roland Berger International, imprenditore.
Partecipa attivamente fin dagli inizi al dibattito assembleare contro l’autoritarismo accademico in favore di nuovi contenuti e per un rinnovo della didattica.
Promuove la nascita del Movimento Studentesco milanese e firma con altri 51 studenti, il primo documento politico istitutivo del MS della Statale come organizzazione a tutto campo. Fa parte della Direzione e della Segreteria nazionale, dapprima come responsabile della Stampa e Propaganda e vicedirettore del settimanale  Fronte Popolare e, successivamente, come responsabile della Commissione nazionale Diritti Civili.
Nel tempo interviene  ed indirizza la nascita delle radio private: fonda  Radio Milano Libera, Radio Città e, insieme  a Scaramucci e Tiboni, dà vita a Radio Popolare come network  nazionale.
Attento a stabilire profondi rapporti con i lavoratori, i giovani e la società civile in generale, organizza a Milano ed in altre città, feste di piazza e festival cittadini cui partecipano numerosi artisti e uomini di cultura italiani e stranieri.-
Difende e valorizza i tradizionali mercatini dei libri usati e pone le basi per la nascita del Libraccio, uno strumento stabile per ridurre i costi dello studio.
Nel 1977  si contrappone e si scontra con durezza con i sostenitori della lotta armata e i loro fiancheggiatori.
Nel 1998, sotto lo pseudonimo di M.Kandebum, scrive “Katanga che sorpresa” un gustoso affresco di episodi,di fatti e fatterelli dell’epoca, lontano dal sapore dolciastro della rievocazione e attento alle storie umane, a volte  goliardiche, a volte di slancio nobilmente politico dei protagonisti del ’68 milanese.