Stefano Rosselli

Stefano Rosselli è nato a Livorno ed ha vissuto tutta la sua infanzia a Piombino. Crescere in un luogo dove scherzare e prendersi in giro è parte della cultura locale, oltre che il miglior modo per esorcizzare i problemi, lo ha aiutato a sviluppare un occhio per il lato tragicomico del comportamento umano.
A 20 anni ha iniziato a lavorare come cartoonist per diverse testate umoristiche, di satira politica e di costume. Nel 1989 ha deciso di trasferirsi a Milano per lavorare in pubblicità, dove ha ricoperto il ruolo di creativo e, negli anni successivi, di direttore creativo in diverse agenzie internazionali, da Saatchi & Saatchi fino a Leagas Delaney.
Ha avuto la fortuna di lavorare con fotografi come Peter Lindbergh, Gian Paolo Barbieri, e registi come Zack Snyder, Luke Scott e tanti altri. La loro vicinanza lo ha aiutato a capire fino a che punto ci si può spingere nel raccontare una storia in ogni singolo frame ed è ispirandosi a quella esperienza che oggi ha orientato il suo lavoro di fotografo: fare in modo che ogni scatto si trasformi in una storia.